condividi questa pagina
Condividi su Linkedin
Condividi su Twitter
Condividi su Facebook

Continuano le richieste fraudolente di pagamento ed emissioni di falsi attestati di registrazione di MARCHIO d段mpresa

LEGGI ATTENTAMENTE!

Si informano i cittadini, le imprese e gli utenti tutti che, anche nei primi mesi del 2024, continuano ad essere recapitate richieste fraudolente di pagamento provenienti da diversi indirizzi e-mail ingannevoli con domini @minister.com, @divisione3-uibm.com, @divisione1-uibm.com e, da ultimo, @contatto-mimit.com, @ufficio-mimit.com e @marchi-mimit.com, che richiamano le intestazioni di articolazioni del Ministero e dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, nonché il cognome e nome di Dirigenti in servizio presso il medesimo Dicastero, con allegato un mendace “Attestato di registrazione per Marchio di Impresa”

Al riguardo, si rappresenta che gli IBAN sui quali viene chiesto di effettuare il versamento risultano riconducibili a conti polacchi, slovacchi e tedeschi, per importi diversi, pari alternativamente ad euro 790; 810; 825; 830; 850; 865; 870 1.400, 1.860 e, da ultimo, 1.780.

Si tratta, dunque, di richieste fraudolente che non provengono né dal MIMIT né dall’UIBM e che si è già provveduto a presentare denuncia all’Autorità giudiziaria a tutela propria e delle persone coinvolte con l'instaurazione di un procedimento penale per il quale sono in corso le relative indagini.

Tutti gli utenti, in caso di ricezione di queste comunicazioni, sono invitati a verificare attentamente il contenuto della richiesta, a non pagare e ad inviarne copia alla Linea Diretta Anticontraffazione, gestita da UIBM in collaborazione con la Guardia di Finanza: anticontraffazione@mise.gov.it

In caso di dubbio e per avere maggiori informazioni è inoltre possibile contattare l'Ufficio Marchi e Brevetti della Camera di Commercio di Vicenza (brevetti@vi.camcom.it), inoltrando il messaggio potenzialmente fraudolento ricevuto.

Si specifica che, nel caso di domande di registrazione di marchio e rinnovo marchio, i versamenti delle relative tasse di deposito possono avvenire ESCLUSIVAMENTE attraverso Modello F24 (se provenienti dall’Italia) o attraverso la piattaforma pagoPA, contestualmente al deposito della domanda.

Al fine di informare il maggior numero possibile di utenti e limitare così al minimo i pagamenti indebiti, si segnala che, in via preventiva, l’UIBM sta procedendo ad inviare una Nota informativa di avvertimento in tal senso a tutti coloro che depositano una domanda di marchio o di rinnovo marchio, o che l’hanno depositata negli ultimi tre mesi.

 

LEGGI ATTENTAMENTE

  • la Camera di Commercio di Vicenza non contatta MAI le imprese (tramite Telefono, Email, Email PEC, SMS, WhatsApp...) con richieste di pagamento da effettuare tramite bonifico bancario (IBAN) o bollettino di conto corrente postale in quanto VIETATO dalla legge

  • per alcuni adempimenti la Camera di Commercio di Vicenza invia comunicazioni all'indirizzo PEC dell'impresa e usa determinate regole (carta intestata con il marchio della Camera di Commercio di Vicenza, data/nr. protocollo, oggetto, ufficio di riferimento, firma del funzionario responsabile del procedimento, contatti telefonici, e-mail dell'ufficio competente)

  • il diritto annuale 2024 è l'unico tributo obbligatorio che le imprese devono pagare annualmente unicamente con Modello F24 o pagoPA

  • maggiori informazioni vedi pagina: Pubblicità inganevole e segnalazioni oppure contatta URP Ufficio Relazioni con il Pubblico  (vedi Contatti)